12 luglio 2017

Il colore per insegnare, apprendere e comunicare

Il colore per insegnare, apprendere e comunicare
Quanto è importante il colore? Come e per cosa lo usiamo? Proviamo a immaginare la nostra vita in bianco e nero. Eliminiamo l’azzurro del cielo, il colore del nostro vestito preferito o il tratto giallo che evidenzia un concetto importante nel testo.

Usiamo il colore in vari modi e in diverse situazioni e farne a meno è davvero difficile: ci aiuta a comunicare, lo apprezziamo davanti a un bel quadro e, senza rendercene conto, richiama la nostra attenzione su prodotti e servizi.
I colori influenzano anche le nostre emozioni e il nostro umore; a ognuno di essi associamo un significato o un’azione: il rosso, l’arancio e il giallo sono stimolanti e li usiamo per attirare l’attenzione, mentre il blu e il verde aiutano a rilassarci.

Queste informazioni sono utili nel settore del marketing e della comunicazione, ma possiamo usarle anche nell'insegnamento a seconda dell’obiettivo da raggiungere. In che modo? Ho provato a individuare alcuni esempi.
Il più delle volte ricordiamo meglio i colori rispetto alle parole, per questo motivo possiamo usare schede colorate per favorire la memorizzazione dei concetti, o possiamo associare un colore a un argomento per richiamare le informazioni alla memoria con più facilità. Nell'apprendimento delle lingue potrebbe essere utile scrivere le parole con colori diversi in base alla loro categoria grammaticale.

Anche quando si tratta di poster e materiali illustrativi la scelta dei colori ci aiuta a veicolare il messaggio. Tema, destinatari, luogo e contesto di esposizione ci guidano nella scelta.

Il colore per insegnare, apprendere e comunicarePer esempio, la palette accanto mi è stata utile nella presentazione di contenuti scientifici durante una manifestazione all'Università degli Studi di Padova: con l’arancione, colore energico e vivace che attira l’attenzione, ho evidenziato alcuni elementi come titoli e parole chiave con il blu, colore formale che ben si presta a esporre contenuti scientifici in un ambiente universitario, ho diffuso un senso di fiducia e responsabilità.

Durante la presentazione di un poster-gioco a caratterescientifico, in occasione della Notte Europea dei Ricercatori 2014, abbiamo usato, invece, una palette con il viola come colore dominante perché legato a fortuna e sfortuna nel lancio dei dadi mentre ho impiegato diverse gradazioni di giallo e verde per richiamare i colori della natura nel progetto di una campagna di sensibilizzazione ai temi ambientali.

Il colore per insegnare, apprendere e comunicareQuanti e quali colori possiamo usare nel progetto che stiamo preparando? Da una classica ruota di colori, se vogliamo adoperarne due scegliamo quelli posizionati uno di fronte all'altro, per esempio i complementari rosso e verde; se invece preferiamo usarne qualcuno in più, preferiamo una serie di colori contigui, posti l’uno accanto all'altro in successione come rosso, arancio e giallo scuro.

Il colore è lo strumento ideale per coinvolgere chi ci sta di fronte, può essere usato per facilitare la memorizzazione, trasmettere o enfatizzare un messaggio. Scegliendo i colori giusti possiamo ottenere un prodotto gradevole, leggibile e di grande impatto comunicativo.



Questa è una versione diversa del mio articolo pubblicato nella sezione "Extra" del numero 28 - mese di giugno 2017 di officina.it, la rivista on line di ALMA Edizioni.

Condividi  Icona-Facebook Icona-twitter Icona-Linkedin Icona-Google+ Icona-Whatsapp Icona-Feed



Concetta Lapomarda
I miei colori sono l'arancione, il blu e il verde. Cosa faccio? Elaboro contenuti testuali e grafici a carattere scientifico-culturale divulgando gli argomenti più diversi.
Vicina al mondo del cibo e del vino, organizzo e promuovo eventi e attività mentre nell'ambito culturale e social, ho fatto parte del web team MuseoMixBO e della social crew TEDxAssisi. 
Ho cominciato a curare Colorability da aprile 2015, qui ci sono i miei articoli.

Restiamo in contatto  Icona-facebook Icona-twitter Icona-google+

Ti potrebbe interessare anche...